Serie A, i giovani portano la vittoria alla Juventus: decide una magia di Fagioli

Foto account ufficiale Instagram Juventus

Nel dodicesimo turno di Serie A la Juventus affronta in trasferta il Lecce. I salentini arrivano dalla sconfitta della scorsa giornata contro il Bologna (2-0) mentre i bianconeri hanno vinto nell’undicesimo turno contro l’Empoli (4-0) ma arrivano dalla cocente sconfitta in Champions League contro il Benfica (4-3). Dunque dopo l’uscita dalla competizione europea e con ancora qualche speranza di accedere all’Europa League, la Vecchia Signora cercherà di far punti pesanti in campionato. Il Lecce, dal canto suo, è a quota 8 punti in classifica e vuol certamente ottenere un buon risultato per staccarsi dalla zona calda creatasi in fondo alla classifica.

Primo tempo

Massimiliano Allegri parte, quasi un po’ a sorpresa, con Gatti, Miretti e Soulè dal primo minuto. Proprio l’argentino cerca subito di farsi vedere dai compagni in avanti per provare a pizzicare gli avversari. Nei primi minuti di Lecce-Juventus, le squadre non partono fortissime nonostante i bianconeri siano riusciti più dei pugliesi a proporsi nella metà campo avversaria.

Al 7′ Miretti ci prova ma viene contenuto dalla difesa dei padroni di casa. La Juventus, poco alla volta, prova ad alzare i ritmi. Al 10′ il Lecce pressa e ottiene il primo calcio d’angolo i cui sviluppi però non impensieriscono gli avversari. Un paio di minuti più tardi arriva il primo cartellino giallo del match e lo acquisisce Miretti per un fallo su Blin. Al 17′ l’arbitro Chiffi ammonisce Cuadrado per un fallo ai danni di Strefezza.

La Juventus, in questo primo scorcio di partita, fatica a servire Milik che ha sino ad ora segnato 5 gol tra campionato e Champions League. Al 20′ il Lecce cerca di pungere la difesa della Juventus con Ceesay. Il match è combattuto e, al 23′, Milk racimola un giallo per aver commesso fallo su Gonzalez. La squadra di Baroni non riesce ad attaccare molto la profondità e questo le impedisce di creare maggiori pericoli. Al 27′ Cuadrado ci prova in area ma il pallone finisce a lato della porta protetta da Falcone. Al 28′ altro giallo per la Juventus: Gatti viene ammonito per una trattenuta su Ceesay.

Rabiot, al 31′, ci prova da fuori area ma trova Falcone pronto. Poco prima Gatti ha fatto una cavalcata degna di nota per dare il via ad un’azione offensiva dei suoi. Il Lecce cerca di salire quando può ma la difesa della squadra di Allegri risponde presente. Dal canto suo, anche il reparto arretrato dei salentini si mostra compatto. Al 37′, sugli sviluppi di un calcio d’angolo, Baschirotto ci prova ma Szczesny è reattivo.

Al 42′ Alex Sandro fa arrivare palla a Soulè che scarica su Miretti che calcia da fuori area ma il massimo che ottiene è un calcio d’angolo. Un minuto dopo, sugli sviluppi di un altro angolo, ci prova Rabiot di testa ma il portiere del Lecce serra la porta. Quest’ultima è l’occasione più pericolosa creata dalla Juventus sino ad ora.

Daniele Chiffi concede 1′ di recupero nel quale non si materializzano azioni salienti. Il primo tempo di Lecce-Juventus termina 0-0. Non ci sono stati molti lampi da entrambe le parti. Da segnalare i 4 cartellini gialli ottenuti dai bianconeri che potrebbero denotare del nervosismo di troppo. Nel secondo tempo, inevitabilmente, le squadre proveranno ad essere più incisive per cercare di sbloccare il risultato.

Secondo tempo

Allegri sceglie di cambiare subito: fuori McKennie e dentro Fagioli. Al 47′ Cuadrado prova a mettere un pallone in mezzo per Milik ma Baschirotto chiude bene. Sugli sviluppi di una punizione battuta dal colombiano, Gatti riceve palla e fa sponda per il numero 14 bianconero ma trova Falcone pronto. La Juventus ha iniziato provando ad attaccare di più.

Gendrey, al 51′, calcia in modo poco preciso da fuori area e dunque non crea particolari problemi a Szczesny. Il Lecce, tuttavia, cerca di crescere in ritmo. Al 53′ una buona azione della Juventus ma è tutto vano in quanto in partenza Milik era in posizione di fuorigioco. Miretti, al 55′, si trova in area e prova a mettere un pallone sui piedi dell’attaccante polacco ma l’azione si conclude con un nulla di fatto. I bianconeri mostrano maggiore consapevolezza e riescono pian piano a crescere in intensità.

Ceesay ottiene un giallo al 59′ per un fallo ai danni di Danilo. L’attaccante del Lecce, per il momento, non è stato molto innescato dai suoi. Al 60′ due cambi per Baroni: fuori Blin e Oudin e dentro Askildsen e Banda. Due minuti dopo Allegri sostituisce Miretti con Kean. Al 64′ Milik scalda i guantoni di Falcone su suggerimento di Kean. Sul ribaltamento di fronte, Banda prova a beffare la Juventus ma Gatti interviene bene. Cuadrado, al 67′, confeziona un bel cross ma Kean non impatta bene di testa e sciupa una possibile occasione.

Pongracic commette fallo su Milik al 71′ e rimedia un cartellino giallo: l’attaccante bianconero stava cercando di salire. I bianconeri cambiano ancora: al 72′ fuori Kostic e dentro Iling-Junior. Al 73′ è proprio il nuovo entrato a servire Fagioli che segna un gol strepitoso portando i suoi sullo 0-1. Per lui si tratta del primo gol in Serie A: un destro a giro di pregio che si insacca nella porta protetta da Falcone.

Il match prosegue e Iling-Junior ottiene un cartellino giallo al 77′ per un fallo su Askildsen. Baroni sostituisce Strefezza con Di Francesco e Ceesay con Colombo all’82. Soulè, autore di una buona prestazione, all’84’ lascia il posto a Bonucci. Altro cambio per il Lecce all’87′: dentro Rodriguez, fuori Gonzalez. I padroni di casa cercano di ripartire: all’89′ ci prova Colombo che ottiene un calcio d’angolo. Sugli sviluppi Hjulmand calcia un rasoterra pericolosissimo che però si impatta sul palo.

Vengono concessi 5′ dove il Lecce prova ad agguantare la Juventus. L’intensità è sempre alta e, al 92′, Di Francesco viene ammonito per un fallo ai danni di Iling-Junior. In questi ultimi minuti la squadra di Baroni prova a pressare. Per la Juventus si segnalano problemi per Iling-Junior. Non c’è più tempo e, al triplice fischio, Lecce-Juventus termina 0-1.

I bianconeri ottengono una vittoria importante, salendo così a quota 22 punti. A regalare il risultato positivo è il giovane Fagioli autore di una buona prestazione, così come Iling-Junior, Miretti e Gatti. Il Lecce, che ci ha provato sino alla fine tenendo testa e provando a far male, non riesce a far punti. Nel prossimo turno la Juventus sfiderà in casa l’Inter (domenica 6 novembre ore 20.45) mentre il Lecce giocherà in trasferta contro l’Udinese (venerdì 4 novembre ore 20.45.

Related Post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *