Joe Montemurro prepara la sfida contro lo Zurigo (foto Instagram pepemontemurro)

La partita casalinga contro la Fiorentina sarà importantissima per la Juventus Women. Dopo la vittoria della Roma in casa dell’Inter le bianconere non possono permettersi di non rimanere agganciate al treno delle prime posizioni. Di non perdere troppi punti sulla Roma e di riportarsi a un punto da nerazzurre e viola. Il coach Joe Montemurro conosce l’importanza del match: contro la Fiorentina è obbligatorio vincere.

Si parte però da un dato molto bello, la Juventus ha raggiungo il decimo posto del ranking Uefa: “Questa è una statistica importante – spiega Montemurro -. Non tanto essere lì tanto quello che abbiamo fatto per esserci. Lo abbiamo fatto con la voglia di crescere, con lo staff per creare le basi capendo che questo è un cammino a lungo termine. Anche le giocatrici hanno capito l’importanza del gruppo, sia che giochino sia che non giochino. Hanno capito che ogni seduta di allenamento è importante. Creando questa base speriamo di andare sempre più in alto”.

Il match contro il Lione qualche strascico lo ha lasciato: “Abbiamo due o tre giocatrici che hanno qualche acciacco dalla partita contro il Lione. Valuteremo nelle prossime ore. L’importante è rinfrescarci sempre mentalmente per farci trovare pronti in una partita molto importante. La Fiorentina ha fatto una campagna acquisto molto importante con giocatrici che fanno la differenza. Hanno un’allenatrice molto brava, Patrizia è molto intelligente dal punto di vista della tattica e si vede una squadra molto ben organizzata”.

Montemurro sa cosa serve alla Juve anche se non nasconde le inside della Serie A: “Siamo noi a dover capire gli spazi. Capire quando bisogna rallentare e quando andare veloci e di curare i dettagli e i gesti tecnici. Se andiamo con questa mentalità sicuramente possiamo fare un risultato positivo. Abbiamo perso con il Milan ma è un segnale molto importante per il calcio italiano femminile. Le squadre adesso lo affrontano in una maniera molto professionale. Dall’anno scorso il livello è cresciuto moltissimo e a me fa piacere che ci sia questo livello”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *