Il Moncalvo inciampa nel fango di Cassano: decidono Copelli, Catega e Ottonelli

di Redazione Feb 12, 2024

CASSANO SPINOLA – Moncalvo Calcio si impantana nel fango di Cassano (3-0). Sconfitta figlia di una prestazione negativa nella trasferta della quinta giornata di ritorno di Prima categoria (girone G). Partita segnata e compromessa in appena dieci minuti. Peraltro Matteo Pavese aveva salvato respingendo il pallone sulla linea dopo appena sei minuti.

Al minuto 8 una punizione dal limite innesca un’azione in area piccola con deviazione vincente di Copelli. Due giri di lancette e passivo raddoppiato con la conclusione di Carega (10’). La reazione dei biancorossi è solo nei calci piazzati: 23’ e 34’ che vede protagonista capitan Lorenzo Rossi in collaborazione con Simone Giardina.

Il terreno pesante e fangoso impedisce il gioco palla a terra. Appena prima della pausa l’episodio che di fatto spegne molte speranze di rimonta aleramica. Al 43’ fallo di Matteo Pavese che porta al rigore con Ottonelli che dal dischetto firma il 3-0. Il portiere Matteo Vapore intuisce ma tocca solamente la sfera, dopo che in precedenza aveva già neutralizzato un’altra pericolosa conclusione.

Nella ripresa neppure i cinque cambi operati da mister Marco Farello mutano l’inerzia del match. Moncalvo Calcio più propositivo e maggiormente presente nella metà campo locale. Colleziona punizioni dal limite, lamentando anche un paio di penalty non assegnati, ma troppo spesso il pallone finisce sulle gambe degli avversari in barriera. Al minuto 11 ci prova Giardina dal limite. In attacco cerca di incidere Stefano Cipollina. Spazio anche a Gioele Bragato e Kevin Bonello ma latitano soprattutto i tiri nello specchio della porta alessandrina.

Per il Moncalvo un passo indietro rispetto al vittorioso precedente incontro ed una graduatoria che lo inchioda sempre al penultimo posto. Domenica (alle 14,30) l’appuntamento sarà alla “Valletta” dove i ragazzi del presidente Manuel Bosco, contando sul proprio pubblico amico, incroceranno l’ambiziosa Capriatese.

Related Post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *