Serie A, Ciurria-Mota: il Monza vola sulla Juventus

Foto account Twitter ufficiale Juventus FC

TORINO – Massimiliano Allegri ha ritrovato tra i convocati Paul Pogba e Dusan Vlahovic mentre ha dovuto rinunciare a Federico Chiesa per un affaticamento. La Juventus è arrivata a questo match dopo il pareggio rimediato contro l’Atalanta mentre il Monza vi è giunto in seguito al pari ottenuto contro il Sassuolo. La squadra di Palladino, complice un buon gioco di squadra, ha espugnato il campo casalingo dei bianconeri. Il risultato finale, infatti, è stato 0-2.

Juventus-Monza: primo tempo

La Juventus ha provato a partire forte alla ricerca di punti importanti per risalire la classifica. Gli uomini di Allegri si sono mostrati propositivi e vogliosi di far bene. Il Monza, dal canto suo, si è mostrato attento. E sono stati proprio gli ospiti ad aprire le marcature al 10′ con Caprari che segnato dopo una buona azione e con una bella giocata. Tuttavia, dopo un controllo al var la rete è stata annullata per fuorigioco e dunque lo score è rimasto fermo.

Al 14′ Kean ha fatto uno squillo dalle parti del Monza ma il tentativo non è andato in porto. Le due squadre, in avvio di gara, si sono mostrate reciprocamente a viso aperto. Al 18′ Ciurria si è fatto vedere freddo dopo aver ricevuto palla da Machin e ha messo la palla sotto la traversa: 0-1 per gli ospiti. Al 30′ Gatti ha avuto una buona occasione sugli sviluppi di un calcio d’angolo ma la spizzata non è andata in porta.

La Juventus ha provato la reazione, davanti agli occhi del pubblico dell’Allianz Stadium che è apparso molto caldo. Il Monza, tuttavia, ha continuato ad essere propositivo e attento al tempo stesso. Per la squadra di Allegri non è stato semplice trovare il modo di pungere il Monza. Da segnalare che, a circa dieci minuti dalla fine del primo tempo, hanno iniziato il riscaldamento Pogba e Locatelli.

Al 39′ il Monza ha trovato lo 0-2 con Mota Carvalho al culmine di un’azione molto bella dove si è visto un Carlos Augusto molto ispirato. Nella prima frazione di gioco la squadra di Palladino è riuscita a mantenere il pallino del gioco tra i suoi piedi, con la Juventus che ha subito due colpi di non poco conto. Nel frattempo, anche Milik ha iniziato il riscaldamento.

Dopo 1′ di recupero, il primo tempo si è chiuso sullo 0-2. La squadra di Palladino si è mostrata attenta e capace di costruire azioni degne di nota che hanno portato ai due gol. Dal canto suo la Juventus non è riuscita ad imporsi nonostante sembrasse inizialmente ben predisposta e, complice qualche errore di troppo, ha subito il gioco del Monza che ha accumulato un doppio vantaggio.

Juventus-Monza: secondo tempo

Soulè, Iling Jr e Locatelli sono entrati subito nella ripresa: a lasciare il campo sono stati Fagioli, Kostic e Paredes. Allegri ha cercato di dare un segnale sin da subito in quanto la Juventus, dopo un avvio che pareva positivo, ha smarrito la bussola. Nei primi minuti del secondo tempo la squadra di casa è apparsa più grintosa. Il Monza è ripartito sulla falsariga della prima frazione di gioco, restando ordinato e attento.

Al 52′ Soulè ha tentato un tiro da fuori ma il tutto si è concluso in un nulla di fatto. Il suo ingresso, tuttavia, è parso dare una scossa positiva alla Juventus. Al 57′ Kean ha lasciato spazio a Milik. L’attaccante bianconero non è riuscito ad essere molto incisivo in quanto ha ricevuto pochi palloni. Anche Palladino ha effettuato una sostituzione: al 59′ Sensi ha preso il posto di Rovella.

La Juventus, complici i cambi effettuati, si è mostrata più insistente in zona avanzata ma la squadra ospite si è fatta trovare pronta. A tal proposito, al 61′ Di Gregorio ha fatto una gran parata su un tiro avversario. Al 65′ Vlahovic, il giorno dopo il suo ventitreesimo compleanno, è tornato in campo prendendo il posto di De Sciglio. Va ricordato che l’attaccante serbo è stato lontano dai campi a causa della pubalgia.

La squadra di Allegri è apparsa completamente cambiata, più offensiva grazie alle sostituzioni. Di Gregorio, tuttavia, si è dimostrato molto reattivo sulle sortite avversarie. Il Monza, però, ha iniziato a mostrare un po’ di stanchezza con il passare del tempo. Infatti al 69‘ Palladino ha inserito Marlon e Petagna al posto di Caldirola e Caprari (ammonito pochi istanti prima).

La Juventus ha fatto vedere di credere nella rimonta ma la squadra ospite ha cercato di tenere botta. Al 75′ ancora una volta Di Gregorio provvidenziale su un tiro preciso di Di Maria da fuori area. Altri cambi per il Monza al 77′: dentro Ranocchia e Birindelli per Machin e Ciurria. Al 78′ ammonito Sensi per un fallo per Soulè: diffidato, salterà il prossimo turno. Pochi secondi dopo mischia in area del Monza sugli sviluppi di una punizione, Gatti ha messo la palla in porta ma il gol è stato annullato per fuorigioco di Bremer.

Nel frattempo sono occorsi problemi fisici a Milik, con la Juventus che ha terminato i cambi a disposizione: l’attaccante polacco non ce l’ha fatta a proseguire. I bianconeri hanno continuato ugualmente a salire ma il Monza è riuscito ad amministrare il doppio vantaggio ottenuto nel primo tempo.

Al termine dei 4′ di recupero il match si è chiuso con la sconfitta della Juventus. I bianconeri sono rimasti a quota 23 punti in classifica (al pari della Fiorentina che non è ancora scesa in campo) mentre il Monza è approdato a 25. La squadra di Allegri giocherà giovedì 2 febbraio contro la Lazio alle ore 21 per i quarti di Coppa Italia. Il prossimo impegno in campionato sarà contro la Salernitana il 7 febbraio alle ore 20.45.

Related Post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *